Calcolo delle probabilità

Vi è mai capitato di tentare la fortuna giocando a qualche lotteria? Vi siete mai domandati quante probabilità avete di vincere? Pochissime.

Eppure il gioco e le scommesse sono un rituale che molte persone ripetono costantemente, con enormi esborsi di denaro.

Si calcola che vengano spesi oltre 88 miliardi in lotterie e giochi d’azzardo con una spesa di 1455 € pro capite, ogni anno (Vedi figura allegata).

Avete provato a calcolare quanto potrebbero essere diventati questi 1455 €?

La risposta può essere semplice o complicata; tutto dipende dal tempo.

Quando si gioca avete mai chiesto quante probabilità avete di vincere? Quando si investe, invece, la prima cosa che si domanda: quanto rende?

Risparmiare ed investire non deve essere un numero focalizzato al rendimento. Risparmiare ed investire deve essere un insieme di numeri che mi permettano di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Ma quanti sono riusciti ad abbandonare le proprie convinzioni, i pregiudizi verso soluzioni di investimento “troppo” rischiose o troppo poco?

Il momento che stiamo vivendo è sicuramente epocale. Purtroppo non si è ancora riusciti a spiegare in maniera concreta e semplice il termine “Rischio”. Il rischio non si può evitare, ma si può gestire. La diversificazione è il principale antidoto, tuttavia non esiste una ricetta universalmente valida, perché ciascun individuo ha una diversa tolleranza del pericolo, obiettivi e orizzonti temporali che cambiano.

Ma oggi che, finalmente, stiamo percependo che anche le banche possono fallire, che il Bail-In è in vigore da oltre un anno, ci si aprono gli occhi.

Il modo migliore per neutralizzare le minacce dei mercati finanziari è quello di conoscere i pericoli ai quali si va incontro, quando si decide di investire i propri risparmi.

La Mifid 2 vuole introdurre e migliorare il rapporto tra consulente/risparmiatore; mancano ancora gli ultimi dettagli, ma l’obiettivo sarà di maggior trasparenza, anche nei costi.

Per tutti questi motivi c’è bisogno di consulenza finanziaria, di educazione e di etica. I risparmi non possono essere “volatilizzati” o “polverizzati”.

 

Fonti: l’immagine è stata presa da un articolo di Monica Gardella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *