Millenials, volete diventare milionari?

Vi siete mai chiesti cosa serve per diventare milionari?

 

Le risposte ricevute al quesito, sono molteplici, ma principalmente rivolte ad una vincita (gioco) o ad una eredità.

Il risultato ipotizzato, certamente allettante, non è irragiungibile.

Riprendo questo argomento, perchè ho trovato molto interesse, da parte della mia nuova clientela.

E’ molto indicato ai millenials, ai genitori che vogliono creare una “dote” per i figli, per chi intende programmare le spese universitarie, ai nonni che pensano ai nipoti, ma in definitiva, il metodo è indicato a tutti i risparmiatori.

Il mio calcolo, parte da una esigenza che tutti abbiamo, ma non è mai stata presa molto in considerazione.

Il nostro futuro è sempre più longevo; le esigenze di assistenza diventano sempre più necessarie.

  • LA SIMULAZIONE

Ho provato a calcolare e simulare il modo per raggiungere questo obiettivo.

Ed ecco la mia ricetta: servono 300,00 euro al mese.

Serviranno 40 anni di continui versamenti della somma di 300 euro, fino al raggiungimento della somma totale di 144.000,00 euro.

Qualcuno rimane incredulo, altri perplessi per la durata, altri ancora perchè non possono risparmiare 300,00 euro al mese.

Ogni piano dovrà e potrà essere modulato a seconda delle esigenze e degli obiettivi che ognuno si prefigge di raggiunge.

L’ingrediente principale del nostro obiettivo risulta il tempo. In questa simulazione le probabilità di raggiungere la meta sono del 72% con probabilità del 50% di superare abbondantemente l’obiettivo prefissato.

Il calcolo, che ho realizzato con alcuni simulatori, prevede una crescita del capitale annualizzato tra l’8/9%.

Qualcuno si può domandare se tale percentuale non sia troppo elevata, ma i dati storici dello S&P500 ci possono confermare tale crescita, anzi, è superiore.

Dobbiamo umilmente affermare che il futuro non lo possiamo nè leggere, nè prevedere.

Se lo stesso esercizio lo effettuassi per 10 anni e aumentassi la rata mensile in maniera proporzionale (con lo stesso obiettivo) oppure per 20 o 30 (anni) non avrei le stesse percentuali di raggiungimento (sarebbero molto modeste).

Per farvi un’esempio, se ipotizzassi il versamento di euro 300 per vent’anni, l’obiettivo, sempre con le stesse condizioni di crescita, risulterebbe di € 177.923,00. Un risultato, comunque, di rilievo con un esborso di € 72.000,00; ma non raggiungerei il milione ipotizzato.

Ognuno si potrà porre degli obiettivi consoni al suo status e alle sue esigenze.

La domanda successiva che ci si pone è dove investo e se posso avere oscillazioni sul capitale investito.

  • COME INVESTO

Dovrò scegliere certamente un mercato azionario e, cercare di guardare, nel breve termine, il meno possibile al mio investimento.

Ho iniziato questa avventura con alcuni millenials e, il loro immediato dubbio, è sull’oscillazione dei mercati.

Ci sarà certamente volatilità di mercato, e sarà propedeutica per il raggiungimento degli obiettivi.

Dobbiamo ricordarci che niente è facile da raggiungere e, comunque, il piano di risparmio che si volesse mettere in piedi, non dovrà impegnare tutte le risorse del risparmiatore.

Ad essere più precisi, dobbiamo sempre ricordarci, due elementi: l’inflazione, sempre in agguato, e le imposte.

  • QUANTO SARANNO LE IMPOSTE E QUANTO L’INFLAZIONE ERODERA’ IL NOSTRO CAPITALE?

Con una inflazione per tutto il periodo al 2% ed una imposta sui guadagni del 26% (attuale aliquota in vigore nel nostro paese) l’importo netto che si dovrebbe raggiungere è di 578.391,00.

Ben 4 volte superiore al capitale investito.

Ricapitolando, quando investiamo cerchiamo di abbandonare il breve termine, tiranno e fuorviante.

Non ci resta che incominciare ad analizzare i vostri obiettivi.

Investire non vuol dire speculare o, come spesso sento dire, giocare in borsa.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presente documento ha esclusivamente finalita’ informative e non puo’ essere riprodotto, distribuito, direttamente o indirettamente, a terzi, ne’ pubblicato, in tutto o in parte, per qualsiasi finalita’. Questo documento non costituisce proposta di consulenza, ne’ intende sollecitare la compravendita di titoli o attivita’ finanziarie di qualsiasi tipo. Si certifica che le opinioni espresse nel presente documento sono personali dell’autore e che nessuna diretta o indiretta ricompensa e’ stata, ne’ verra’ ricevuta a seguito delle suddette opinioni espresse. Le notizie e i dati utilizzati nel presente documento, provengono da informazioni fornite dalle societa’ citate e/o da altra documentazione di pubblico dominio. L’autore non risponde dell’accuratezza, completezza, precisione e imparzialita’ di tali dati e notizie.

 

 

 

 

Bail in, Patrimoniale e dintorni.

 

I timori sugli investimenti sono tanti e le perplessità ancora di più.

Una parte degli investitori italiani è attualmente preoccupata dalle incertezze dell’economia globale e intimorita dalla volatilità cui i mercati azionari e obbligazionari sono stati soggetti.

I fondi non sono soggetti al bail-in

Il segmento degli investitori più avversi al rischio si trova in difficoltà a fronte del fatto che anche il conto corrente non rappresenta più un porto sicuro ed immune a qualunque evento avverso. Il bail-in infatti, prevedendo la possibilità che i conti correnti superiori a 100.000 Euro possano, in una certa misura, essere intaccati in caso di difficoltà della banca, ha provocato timori fra alcuni investitori privati circa la sicurezza del proprio conto corrente. Come noto i fondi di investimento sono caratterizzati da un impianto legislativo che mira specificamente a proteggere gli investitori da eventuali scenari avversi. Gli investitori che temono circa la stabilità del sistema bancario e che sono maggiormente preoccupati per la sicurezza dei loro risparmi potrebbero quindi trovare risposte efficaci nell’ambito del risparmio gestito. Cosa accadrebbe infatti in un caso estremo, cioè una eventuale situazione di default delle parti coinvolte? Ad esempio se un default interessasse un soggetto collocatore (banca, rete di promotori, sim etc) l’investitore di un fondo non subirebbe alcun danno di tipo patrimoniale. Questi potrebbe infatti trasferire la propria posizione presso un altro soggetto collocatore o richiedere direttamente alla banca corrispondente il rimborso totale della propria posizione. Anche se un simile evento avverso riguardasse il SIP (ex banca corrispondente), l’investitore non subirebbe alcun danno di tipo patrimoniale in quanto il suo investimento non entra mai a far parte del patrimonio della banca corrispondente. La posizione individuale sarebbe quindi semplicemente trasferita presso un altro soggetto incaricato dei pagamenti. Se poi una banca depositaria fosse in difficoltà, il patrimonio della SICAV sarebbe anche in questo caso salvaguardato, in quanto proprietà degli investitori e segregato rispetto al patrimonio della banca depositaria. Pertanto esso non può essere aggredito dai creditori della banca e di conseguenza il fondo e le azioni/quote degli investitori non subirebbero alcun danno di tipo patrimoniale. Infine, per quanto concerne la Sicav stessa, solo un fallimento di tutte le società e di tutti i Governi in cui essa investe potrebbe minacciarne la solidità e in considerazione della diversificazione che caratterizza le SICAV è quindi ragionevole ritenere che un evento simile sia estremamente improbabile, se non impossibile.

Le soluzioni di investimento

Alcuni investitori particolarmente difensivi, temendo il bail-in, hanno aperto numerosi conti correnti, spesso rendendo più complessa anziché più semplice la gestione dei loro risparmi. In alternativa a ciò, chi in questa fase privilegia la sicurezza del capitale e la liquidità potrebbe beneficiare dall’investimento in fondi monetari. Questi possono inoltre rappresentare un primo passo verso investimenti maggiormente dinamici e capaci non solo di difendere, ma anche di offrire flussi di reddito o crescita del capitale nel medio e lungo periodo.

 

Investire per la pensione

 

Perché risparmiare per la pensione? Perché le persone vivono più a lungo. Secondo l’Amministrazione statunitense sull’invecchiamento, le persone che hanno compiuto 65 anni hanno un’aspettativa di vita media di ulteriori 19,4 anni. L’Italia è tra i paesi più longevi del mondo. E dal momento che la sicurezza sociale non riesce a colmare le esigenze delle persone anziane,  la previdenza sociale può non essere abbastanza per i tuoi anni di pensionamento.

 

Tieni a mente …

  • Un portafoglio ben diversificato può aiutare a bilanciare il rischio
  • Quanto prima inizi a investire, tanto più puoi contribuire nel corso della tua vita lavorativa
  • Iniziando presto, i tuoi investimenti avranno un periodo di tempo più lungo per crescere
  • Con un intervallo di tempo più lungo, avrai una vasta scelta di possibilità di investimento

Cosa fare …

  • Valuta la tua tolleranza al rischio
  • Determina il tuo tempo di investimento
  • Determina la quantità di denaro che puoi investire
  • Scegli gli investimenti appropriati per la tua tolleranza al rischio e il tuo orizzonte temporale
  • Cerca una gestione professionale, se necessario.

 

 

Pannolini

Più pannolini per adulti che per bimbi: il mercato che c’è già, ma per cui non siamo pronti.

Al Massachusetts Institute of Technology (MIT) esiste un laboratorio chiamato AgeLab, che immagina quali tecnologie ed innovazioni servano man mano che la speranza di vita cresce.

Joseph F. Coughlin ne è il fondatore e direttore.

Nel Dicembre 2017, Coughlin ha riassunto le sue ricerche e pensieri in un libro divulgativo dal titolo ‘The Longevity Economy’ (L’Economia della Longevità: https://longevityeconomy.com). In breve, il libro suggerisce che uno dei mercati che più si espanderà nei prossimi decenni è proprio quello dei pensionati e degli ultraottantenni. Il ricercatore americano combina la demografia all’economia. Spiega che ci sono tre motivi per cui il mercato dei pensionati crescerà, ossia: la popolazione continua a diventare più vecchia, le nascite sono poche e sotto la soglia di rimpiazzamento della popolazione, e la generazione dei ‘baby boomers’ andrà a breve in pensione. Fa pensare una notizia che riporta Coughlin: la Giapponese Unicharm (http://www.unicharm.co.jp/english/index.html) già nel 2011 ha affermato che nel 2026 il mercato dei pannolini per adulti sarà maggiore al mercato dei pannolini per bambini.

In demografia, infatti, molte ricerche affermano che non c’è, ad ora, un tetto alla speranza di vita, e che più e più persone arriveranno ai cent’anni. Il risultato è sostenuto da una ricerca della professoressa Elisabetta Barbi dell’Università la Sapienza di Roma e colleghi con un articolo pubblicato sulla rivista Science (http://science.sciencemag.org/content/360/6396/1459.full).

Insomma, ci dobbiamo preparare per un mondo sempre più vecchio. Sorge chiederci se stiamo facendo nulla per prevenire, piuttosto che curare. La risposta è poco o niente. In Italia si pensa ancora a diminuire l’età pensionabile, piuttosto che pensare a politiche di ‘active ageing’. Inoltre, la pianificazione verso il futuro è insufficiente: si pensa ancora al breve termine, ma non al lungo periodo. Si dovrebbe essere alla ricerca di un nuovo modo di pensare proiettato al futuro. Falsi miti, l’era della sicurezza sociale e un progresso tecnologico rapido mettono in secondo piano le effettive esigenze.

Coughlin sostiene che sia necessario cambiare le regole del gioco, ossia ripensare al welfare e soprattutto ideare prodotti e servizi per gli anziani. Non solo modi per mantenere gli anziani indipendenti, ma anche produrre nuovi lavori per i giovani.

Le macchine che si guidano da sole serviranno a portare anziani in vacanza o alle visite, le case domotiche e tecnologie IoT ci aiuteranno ad avere cura della casa e della vita quotidiana.

L’industria 4.0 si svilupperà sempre più con prodotti per tutte le età.

Salute e benessere, nuovi stili di vita, sicurezza, mobilità e risparmio: sono solo alcuni degli ambiti destinati ad essere spinti da questo macrotrend.

Senza pensare al miglioramento della condizione abitativa, una delle principali priorità per gli anziani e che ha spinto storicamente lo sviluppo residenziale di alcune aree del mondo.

Le aziende del risparmio gestito e i consulenti finanziari avranno sempre più il compito di fornire una rendita agli anziani a fronte del denaro risparmiato.

In Italia aziende come Recordati e Diasorin (diagnostica), Luxottica Essilor nelle lenti per occhiali sono all’avanguardia.

Un augurio anche a H-Farm, a Riccardo Donadon, in riferimento al suo ultimo articolo sul Sole ventiquattrore (https://www.facebook.com/hfarmspa/photos/a.88754654572/10158072619314573/?type=3&theater).

Purtroppo, in Italia ci mettiamo i bastoni fra le ruote anche quando si cerca di migliorare le cose. Spero che con la sua H-Farm non solo guidi le aziende del mercato italiano a diventare più digitali ed internazionali, ma anche identifichi le caratteristiche demografiche della popolazione per cavalcare il cambiamento che sta avvenendo, e per cui non siamo per nulla pronti.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Prendersi cura dei genitori anziani

Prendersi cura dei genitori anziani è qualcosa che speri di poter gestire quando sarà il momento, ma è l’ultima cosa a cui si vuole pensare. Se questo è il momento, ci sono delle incombenze che si possono compiere per rendere la tua vita (e la loro) un po ‘più facile. Alcune persone vivono la loro intera vita con poca o nessuna assistenza da familiari e amici, ma oggi siamo sempre più longevi ed è bene essere preparati. Questa è un pò la mia storia: papà 93 anni e mamma 88.

 

Mamma? Papà? Dobbiamo parlare

Il primo passo che si deve fare è parlare con i genitori. Scoprire quali sono i loro bisogni e desideri. In alcuni casi, tuttavia, potrebbero essere riluttanti o incapaci di parlare del loro futuro. Questo può accadere per una serie di motivi, tra cui:

  • Incapacità
  • La paura di diventare dipendenti
  • Risentimento verso che interferisce
  • Riluttanza a trasferire i loro problemi

Se anche voi avete dei genitori anziani, potrebbe essere necessario pianificare il più possibile il loro futuro. 

Se la loro sicurezza o salute è in pericolo, tuttavia, potrebbe essere necessario intervenire con una badante. La linea di fondo è che è necessario avere un piano. 

Sicuramente non sarà facile parlare di ciò con i genitori, e questo potrebbe anche renderti nervoso; sarà opportuno predisporre un elenco degli argomenti da discutere per non dimenticare niente. 

Ecco alcune cose di cui potresti aver bisogno di parlare:

  • Assicurazione per l’assistenza a lungo termine: esiste? Se no, quanto potrebbe costare?
  • Possono ancora vivere da soli, o è tempo di esplorare altre opzioni?
  • Decisioni di assistenza medica: quali sono i loro desideri e chi li realizzerà?
  • Pianificazione finanziaria: come puoi proteggere i loro beni?
  • Pianificazione immobiliare: possiedono immobili, cosa fare?
  • E’ stato fatto un testamento?
  • Coinvolgete anche i vostri fratelli
  • Aspettative: cosa ti aspetti dai tuoi genitori e cosa si aspettano da te?

Preparazione di un promemoria di dati personali

Una volta che hai instaurato un dialogo, il prossimo passo è preparare un promemoria dei dati personali. Questo documento elencherà le informazioni che potrebbero essere necessarie nel caso in cui i tuoi genitori diventino incapaci o muoiano. Ecco alcune informazioni che dovrebbero essere incluse:

  • Informazioni finanziarie: conti bancari, conti di investimento, partecipazioni immobiliari
  • Informazioni legali: testamenti, potere duraturo di avvocati, direttive sull’assistenza sanitaria
  • Piani funebri e sepolcrali: informazioni sul pagamento anticipato, desideri finali
  • Informazioni mediche: fornitori di assistenza sanitaria, farmaci, anamnesi
  • Informazioni sull’assicurazione: numeri di polizza, nomi di società
  • Informazioni per i consulenti: nomi e numeri di telefono di tutti i fornitori di servizi professionali
  • Posizione di altri documenti importanti: chiavi per cassette di sicurezza, atti immobiliari

Assicuratevi di annotare la posizione dei documenti e qualsiasi numero di conto pertinente. È una buona idea fare copie di tutti i documenti che hai raccolto e tenerli in un posto sicuro. Questo è particolarmente importante se vivete lontano, perché vorrete che le informazioni siano prontamente disponibili in caso di emergenza.

Dove vivranno i tuoi genitori?

Se i tuoi genitori sono come molte persone anziane, dove vivono dipenderà da quanto sono sani. Man mano che invecchiano, la loro salute può deteriorarsi così tanto che non possono più vivere da soli. A questo punto, potrebbe essere necessario trovare una casa di assistenza sanitaria oppure una comunità di pensionati o una casa di riposo. Potresti, anche accoglierli a casa tua. Se il denaro è un problema, trasferirli con te potrebbe essere la migliore (o unica) opzione, ma questa dovrà essere ponderata. Avrà un impatto su tutta la tua famiglia, quindi si rende necessario parlane prima. 

Valutare le capacità dei tuoi genitori

Se sei preoccupato per le capacità mentali o fisiche dei tuoi genitori, chiedi al medico di consigliare una struttura per una valutazione geriatrica. Queste valutazioni possono essere fatte in ospedali o cliniche. La valutazione determina le capacità dei tuoi genitori per le attività quotidiane (ad esempio, cucinare, lavori domestici, igiene personale, prendere farmaci, fare telefonate). La struttura può quindi indirizzare te e i tuoi genitori alle organizzazioni che forniscono assistenza.

Se non puoi essere lì per prenderti cura dei genitori, o se hai solo bisogno di una guida per supervisionare le cure, un medico Geriatra può aiutarti. Si potrà valutare la capacità dei genitori di vivere da soli, coordinare l’assistenza 24 ore su 24, se necessario, o consigliare assistenza sanitaria a domicilio.

Ottieni supporto e consigli

Non cercare di prenderti cura dei genitori da solo. Se i fratelli ti lasciano fare o non vogliono interferire, sono disponibili alcuni centri sociali locali che ti aiutano a far fronte alla cura dei genitori anziani. Se non sai dove trovare aiuto, contatta il distretto sanitario di competenza.

Una volta raccolte tutte le informazioni necessarie, potresti trovare alcune difficoltà. Non sempre le volontà possono essere chiare e risulterà difficile prendere delle decisioni. Potresti consultare un avvocato o altro professionista finanziario di cui entrambi i genitori possono fidarsi.

Perché i risparmiatori non percepiscono l’Alpha del consulente?

“Mettere un valore sul valore” è unico, come ogni singolo investitore.

Per alcuni investitori, il valore di lavorare con un consulente è la tranquillità.

Questo valore non si presta a nessuna quantificazione.

Lavorare con un consulente può aggiungere “circa il 3%” nei rendimenti netti.

Questo aumento del 3% del potenziale netto sui rendimenti non deve essere considerato come un valore aggiunto annuale, ma è probabile che sia intermittente, come si verifica durante i periodi di ribasso/rialzo dei mercati quando i clienti sono tentati di abbandonare od incrementare il loro piano di investimenti ben congegnato.

I consulenti dovrebbero prendere in considerazione una nuova proposta di valore basato su abilità e competenze alternative: dovrebbero agire come gestori patrimoniali e allenatori comportamentali, fornendo disciplina ed esperienza per gli investitori che ne hanno bisogno.

Sono proprio loro, gli investitori, che spesso mancano di comprensione e disciplina, lasciandosi influenzare dai titoli e pubblicità che li circondano, spesso ottenendo la distruzione della ricchezza piuttosto che la creazione.

Il consulente diventa ancora più importante fattore nella relazione cliente-consulente.

L’Alpha del Consulente non è solo un bene per il risparmiatore ma anche un buon servizio. 

Ma perché non viene percepito?

Innanzitutto, perché è un valore aleatorio non quantificabile e che viene generato nel tempo. Il consulente, in questo caso, coach del patrimonio dell’investitore, non è un “guru” ed è soggetto alla volatilità dei mercati.

Per aver sbagliato il momento di ingresso, ogni anno, gli investitori europei perdono in media uno 0,34%; tale dato si riferisce all’ultimo quinquennio.

A calcolarlo è Morningstar nel primo rapporto europeo “Mind the Gap 2016—Europe: the Effects of Behaviour on European Fund Investors’ Returns”, che segue una metodologia simile (ma non uguale) a uno degli studi più noti negli Stati Uniti, realizzato da Russel Kinnel (direttore della Manager research di Morningstar negli Usa) dal 2005.

Dove sbagliano gli investitori?

Gli errori comportamentali (behavioural gap) pesano sui risultati e si ripetono nel tempo, senza avere confini geografici. Chi più, chi meno, gli investitori ragionano troppo a breve termine, sono avversi al rischio e concentrati sui rendimenti relativi. Si fanno prendere dal panico nelle fasi di ribasso ed esitano a rientrare sui mercati quando salgono. Di conseguenza, tendono a comprare sui massimi e a vendere sui minimi, con inevitabili perdite.

Timing sbagliato

Il primo dato che balza agli occhi è che il timing è stato sbagliato in tutte le classi di attività (azionari, obbligazionari, bilanciati e alternativi). Il gap, tuttavia, è più evidente per gli alternativi (58 punti base): gli investitori hanno perso il 36% del rendimento totale annualizzato nel quinquennio. Nel caso dei bilanciati, il mancato guadagno è stato dell’8%, nel reddito fisso del 6% e nell’azionario del 5%.

Spesso il ciclo dei propri investimenti, cioè il momento dell’acquisto di un investimento, avviene in una fase di picco dei mercati.

Un tipico errore consiste nel comprare ai massimi e vendere ai minimi.

Il Prof. Ruggero Bertelli nel corso di un convegno, spiegava che gli italiani hanno prima guadagnato investendo in azioni tra il 1997 e il ’99, poi hanno perso in seguito alla bolla speculativa del 2000 e successivamente non sono più rientrati, nonostante la fase di rialzo cominciata nel 2003. In pratica, il guadagno è stato nullo. Al contrario, se avessero accumulato azioni tutte le volte che l’emotività li spingeva a vendere, avrebbero ottenuto un discreto profitto.

La prima lezione o consiglio da trarre è che un quinquennio può rappresentare un periodo abbastanza corretto per ottenere un guadagno dall’investimento in un fondo azionario.

Infatti, se guardiamo ai rendimenti rolling (ossia a scalare in avanti di mese in mese) dal 2000 ad oggi su intervalli di 60 mesi, nel 76% dei casi le performance sono positive.

Se si estende l’orizzonte temporale, inoltre, la probabilità di conseguire perdite con le azioni si riduce sensibilmente. Non solo, le azioni rendono più delle obbligazioni, anche se queste ultime sono un buon strumento di diversificazione nelle fasi di declino, quando la correlazione tra le Borse cresce.

La seconda lezione è incominciare ad analizzare in maniera costruttiva le notizie che i media amplificano in modo insistente sui crolli di borsa o sulle performance strabilianti di qualche settore.  E’ la paura unita alle illusioni il più grande nemico di qualsiasi investitore e che scatena le decisioni più irrazionali.

La terza lezione è diversificare, non solo nella scelta dell’asset dell’investimento ma anche valutando la decorrelazione degli stessi (uno dei punti più difficili per un risparmiatore).

La quarta lezione è stabilire gli obiettivi che si vuole raggiungere con il proprio investimento.

Tutto potrebbe sembrare facile e semplice, ma una guida competente e preparata può aiutare ad evitare quegli errori che continuamente si ripetono.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Fonte: Morningstar, Vanguard, Russels Advisor.

Proteggere e promuovere il risparmio.

Tra pochi giorni avremo la nona edizione del Salone del Risparmio. Una settimana importante per un settore in forte evoluzione ma con grosse problematiche per il risparmiatore che non ha voluto e saputo cambiare. Quanto affermo è confermato da una immensa liquidità tenuta nei conti correnti.

Banca Generali in occasione delle giornate di Primavera del Fai, ma anche Assogestioni con il sostegno al restauro dell’Abbazia di S. Maria di Cerrate a Lecce, è attenta al patrimonio artistico Italiano, ma anche di quello finanziario.

Ed ecco il punto di connessione con questo post.

Nel contesto delle giornate Fai, come sponsor, Banca Generali ha presenziato ai vari siti.

Per questa occasione è stata predisposta una guida “Capire la finanza” che è stata distribuita gratuitamente a tutti i visitatori.

Ma, sappiamo, la diffidenza è sempre ai massimi livelli. Le risposte: non mi interessa, so già tutto, non capisco niente erano le più frequenti.

Eppure i fatti che viviamo, in particolare nel Nord Est, con importanti Istituti in default dovrebbero far riflettere.

Non c’è giorno che non si parla di risparmio tradito, poca trasparenza, disaffezione nell’investire e anche truffe.

Ma di chi è la colpa?

Se dai test Invalsi emerge una scarsa educazione finanziaria dei giovani, non sono da meno i risparmiatori più anziani, che oggi detengono i risparmi di una vita.

Questa riluttanza al sapere, al sapere finanziario intendo, non ha ragione di esistere.

Come il Fai vuole proteggere e promuovere il Patrimonio Artistico si deve proteggere anche il Patrimonio Finanziario. A noi consulenti, certamente, la prima parola ma un passo in avanti deve essere fatto dal risparmiatore più tradizionale legato fortemente ai suoi pregiudizi.

Le iniziative e gli sforzi profusi da Anasf (con Economicamente), Abi, Banca d’Italia e di tutti gli altri devono essere un punto di incontro tra risparmiatore e istituzione finanziaria.

Non si devono liquidare pregevoli iniziative con affermazioni subdole e affrettate.

Caro risparmiatore abbiamo bisogno anche della tua collaborazione per offrire ogni giorno un servizio migliore e più attento alle tue esigenze.

Consulenza: è un costo o un risparmio?

Ripropongo questo articolo che avevo scritto nel 2013, ben 5 anni fa.

In questi 5 anni molti risparmiatori si lamentano perchè i loro risparmi si sono volatilizzati.

Buona lettura.

Il cash non costa nulla di commissioni di intermediazione, non produce redditi tassati e subisce solo l’erosione dolce dell’inflazione, invisibile come il monossido di carbonio e letale solo in tempi lunghi, scriveva Alessandro Fugnoli sulla sua rubrica “Il Rosso e il Nero”.

In quei giorni la stampa nazionale, riportava le misure introdotte dalla direttiva sulla Risoluzione bancaria (Bail in).

Molti si potranno chiedere che cos’è e a cosa serve; altri potranno affermare che sono a posto così, altri ancora che non hanno un conto e tantomeno soldi.

Ma veniamo al dunque.

Se qualche banca dovesse affondare in futuro, a pagare per le perdite sarebbero i privati. Azionisti in primo luogo, poi i possessori di obbligazioni subordinate, poi gli obbligazionisti cosiddetti senior e, infine, i correntisti. Pagheranno fino ad una cifra pari all’8% del totale delle passività della banca in crisi.

Perché tutto questo?

Tutto è iniziato in Irlanda con Bank of Ireland o Allied Irish Bank. Hanno proposto a chi possedeva obbligazioni subordinate un mini rimborso cash oppure azioni. Chi non avesse accettato l’offerta avrebbe ricevuto solo un misero centesimo di euro per ogni mille investiti.

In seguito l’Olanda con Sns Bank ha espropriato tutte le obbligazioni subordinate con un indennizzo pari a zero.

Tra il 2008 e il 2011 per salvare e consolidare le banche, i governi europei hanno complessivamente impegnato un terzo del prodotto interno lordo annuale dei Paesi dell’Unione.

Allora meglio il cash, direbbe qualcuno. Attenzione anche qui perché ci sarà la discrezionalità e le eccezioni nazionali.

In questo nuovo contesto diventerà sempre più importante la consulenza.

Stiamo parlando di sudati e tassati risparmi delle famiglie che, ogni tanto, “svaniscono” in operazioni, qualche volta, non adeguate e appropriate, ma, soprattutto, in operazioni poco chiare o trasparenti.

E’ per questo che la consulenza dovrebbe essere prima di tutto educazione finanziaria. 

La diversificazione, tanto ripetuta, quasi a nausea, non si effettua in maniera banale acquistando strumenti diversi.

Il mondo è cambiato, nel nostro ambito possiamo quasi dire che abbiamo raggiunto la “Fantafinanza”, e non possiamo rimanere indietro ma, soprattutto, non possiamo subire in maniera passiva.

E’ per questo, alla luce di un cambiamento radicale del welfare, la necessità di una politica sociale verso i risparmiatori con l’educazione e la consulenza.

C’è sempre più bisogno di risparmiare; e forse in questo momento la parola risparmio è stata accantonata.

La consulenza viene,quindi, considerata un costo, un onere a cui si può fare a meno.

Forse, invece, potrebbe evitare qualche perdita, minori imposte, un allocazione migliore ed evitare l’erosione dell’inflazione.

Nonostante, tutto questo, le indagini riportano che solo l’8% dei risparmiatori  riceve consigli personalizzati.

Per chi volesse approfondire, può andare a leggere, al seguente indirizzo, il mio post sull’indagine Consob circa Intermediari/Famiglie e la consulenza:    http://ow.ly/mtVbP.

RIPRODUZIONE RISERVATA

I consigli di McNabb (Vanguard) sulla volatilità dei mercati.

Se si sta guardando la recente correzione del mercato e ci si chiede cosa fare, si deve considerare e capire la volatilità invece di cambiare il proprio piano finanziario.
Spesso, la cosa più saggia da fare, durante i periodi di estrema volatilità dei mercati, è quello di rimanere con il piano di investimenti che avete già studiato, osserva Bill McNabb, Presidente Vanguard e amministratore delegato.
“I mercati azionari hanno tratto guadagni considerevoli nel corso degli ultimi anni. Tali battute d’arresto, sono sicuramente snervanti, ma inevitabili”.
Una prescrizione “non fare nulla” potrebbe essere difficile da “ingoiare”, se siete stati presi alla sprovvista dalla recente volatilità. Ma il signor McNabb fa notare che nessuna azione è una decisione attiva, e può essere la decisione giusta per raggiungere gli obiettivi finanziari a lungo termine.
Qui ci sono alcune semplici regole per aiutarvi in questo attacco di febbre:
  1. Riconoscere che la volatilità e le correzioni periodiche sono comuni nei mercati azionari.
  2. rimuovere l’emozione e continuare ad investire;
  3. cercare di non guardare i vostri conti ogni giorno. E ‘inutile e può fare più male che bene
Se si investe regolarmente attraverso la detrazione sullo stipendio, un piano di investimento automatico, o di un fondo target-date, si deve considerare la volatilità del mercato un aiuto all’obiettivo da raggiungere.
Se il vostro portafoglio è ampiamente diversificato e si ha il giusto equilibrio per gli obiettivi prefissati, orizzonte temporale, e livello di rischio appropriato e adeguato, attaccare è una mossa saggia.
“Perché nessuno sa cosa ci riserva il futuro, una strategia globale e diversificata può essere vantaggiosa rispetto  a spostare troppo in qualsiasi direzione”, afferma McNabb.
Fonte: Vanguard
  • Tutti gli investimenti sono soggetto al rischio, tra cui la possibile perdita del denaro di chi investe.
  • La diversificazione non garantisce un profitto e/o protegge contro una perdita.

 

Ma tutta questa drammatizzazione fiscale produce con successo una corretta pianificazione finanziaria?

Tutti a rincorrere i benefici fiscali.

Negli ultimi mesi dell’anno si scatena una sindrome alla ricerca di tutto ciò che può far risparmiare o compensare le minusvalenze.

Ma tutta questa drammatizzazione fiscale produce con successo una corretta pianificazione finanziaria?

In poche parole la pianificazione finanziaria non dovrebbe essere un evento di una volta all’anno, dove si cerca di ottimizzare il rendimento fiscale.

Un consulente dovrebbe tenere conto degli aspetti fiscali del cliente durante tutto l’anno, sia perchè tutto possa essere conforme alle normative in essere, ma anche per proteggerli da inutili redditi o imposte.

Ciò che spesso mi capita di vedere è tutto il contrario.

Tutte queste iniziative dovrebbero essere prese in considerazione l’inizio di ogni anno, valutando la posizione fiscale dei titoli, gli investimenti effettuati, le potenzialità di reddito nel corso dell’anno, eventuali premi ed, infine, la possibilità di accantonare delle cifre per la propria pensione.

Invece, ogni evento è caratterizzato da un’analisi che si effettua in concomitanza della necessità.

Un esempio sono le scelte universitarie dei figli.

Molte famiglie non pianificano questo evento e si trovano nei mesi antecedenti l’iscrizione ad affannarsi per recuperare risorse economiche.

Quanto costa l’università è una domanda che il buon consulente dovrebbe cevidenziare ai propri clienti. Come pensate di supportare vostro figlio? È la domanda successiva.

Mi viene da aggiungere un altro evento dei nostri giorni. Quanto costa una casa di riposo?

La pianificazione ci dovrebbe aiutare in tutto questo.

Ecco perché c’è sempre più la necessità di un buon consulente. Non per offrire rendimenti ma per aiutare le famiglie nella gestione della loro vita e di raggiungere i propri obiettivi senza affanni.